Fermenti Lattici

Cambi di stagione o di alimentazione, assunzione di farmaci, sistema immunitario debilitato, sono tutti fattori che inducono la necessità di assumere i fermenti lattici, i nostri alleati per il ripristino e il mantenimento della salute.

Numerosi fattori possono indurre l’assunzione di probiotici: quando prendere i fermenti lattici vivi dipende, infatti, dalle condizioni di salute in cui ci troviamo. Quando siamo malati, questi preziosi alleati sono indicati per rinforzare le nostre difese, per scongiurare fattori debilitanti per la funzionalità gastroenterica, e per riequilibrare l’intestino pigro in caso di stitichezza o di diarrea.

Questi microrganismi sono talmente importanti per il benessere dell’intero organismo, che molti suggeriscono di prenderli periodicamente, anche se siamo in salute, nei cambi stagionali o se si è esposti al rischio di contrarre infezioni.

I fermenti lattici vivi, infatti, appartengono in larga misura ai generi LactobacillusLactococcusLeuconostoc, Pediococcusm e alla specie Streptococcus. Alcuni sono già presenti nel nostro intestino, i probiotici; mentre altri li assumiamo dall’esterno con lo yogurt (Lactobacillus bulgaricus e Streptococcus thermophilus) o altri integratori naturali.

Il colon (il tratto finale dell’intestino), è popolato da miliardi di batteri buoni (gli eubiotici), che hanno il principale compito di sintetizzare i residui della digestione (fibre, carboidrati e proteine), mediante processi fermentativi e putrefattivi dei resti di cibo.

Showing all 5 results